Fiorente la festa del 16 giugno di Terre Haute

Juneteenth non è diventata una festa federale fino all’anno scorso. Era stato celebrato in Texas molto prima di ogni 19 giugno – anche se i neri ridotti in schiavitù furono emancipati nel 1865, il Texas resistette a liberare i suoi schiavi fino al 1867 – e nel corso degli anni si è diffuso in tutto il paese. Tuttavia, molti non comprendono appieno il suo significato come il Giorno dell’Indipendenza Nera.







Fiorente la festa del 16 giugno di Terre Haute

Tribune-Star/Joseph C. GarzaRilassante: Jaylin Coleman si gode un massaggio rilassante da Barbara Barleston, proprietaria della Scuola di cosmetologia accelerata di Madame Barbara, sabato durante la celebrazione del Juneteenth al Booker T. Washington Community Center.




Daniel Shouse e Theo Morgan hanno deciso di cambiare le cose a Terre Haute a partire dal 2020, con un piccolo evento ostacolato dal COVID. La variegata folla di sabato stava esplodendo al Booker T. Washington Community Center, con una pletora di tende dei venditori con regali, magliette e cibo in abbondanza, un po’ di basket 3 contro 3, un mini show di auto, una zona per bambini e musica dal vivo da Dream Team Live. È proseguito fino a sera con uno spettacolo pirotecnico e una festa di schiuma al buio presso l’American Legion Post 340.

“Non ci aspettavamo niente del genere: volevamo solo riunirci e parlare di Juneteenth, aumentare la consapevolezza e convincere le persone a tornare a casa per il Terre Haute Day”, ha detto Morgan. “L’anno scorso abbiamo avuto oltre 1.000 persone. È cresciuto: quest’anno siamo a oltre 2.000 persone”.

Shouse ha aggiunto: “È iniziato con il generale Gordon Granger che è sceso con le 2.000 truppe dell’Unione a Galveston, in Texas, e ha annunciato a tutte le persone del Texas che erano state emancipate e liberate dalla schiavitù. Collegandolo a oggi, quando siamo tutti in posizione libertà. Questa è la nostra proclamazione di emancipazione di essere onorati in questo modo. Perché Juneteenth sia ora una festa federale, è una vittoria per la comunità afroamericana”.







Fiorente la festa del 16 giugno di Terre Haute

Tribune-Star/Joseph C. Garza Pronta a viziarti: Lynn Carson, proprietaria di “Spoil Me With Bling”, espone più dei suoi oggetti in vendita sotto la tenda dei venditori sabato durante la celebrazione del 19 giugno presso la comunità di Booker T. Washington Centro.




Sebbene Juneteenth sia nato come un inganno in tutto lo stato in Texas, oggi è fonte di ispirazione, ha detto Shouse.

“Ha dimostrato attraverso il duro lavoro, la determinazione e il superamento, se ti attieni ai tuoi obiettivi e in ciò in cui credi, che indipendentemente da ciò che qualcuno può pensare, puoi superare qualsiasi ostacolo nella vita”, ha detto. “Questo è importante: vogliamo che tutti sappiano che sperimenterai cose come quelle vissute dai nostri antenati, trionfi, lotte e problemi. Per loro superare questo e per noi ereditare il loro duro lavoro oggi e quelle benedizioni che siamo in grado di condividere e diffondere consapevolezza sull’importanza di Juneteenth.”







Fiorente la festa del 16 giugno di Terre Haute

Tribune-Star/Joseph C. GarzaVegan ha fatto bene: Debbie Shouse, in primo piano, aiuta sua figlia, Tenisha Shouse, a preparare un ordine per un cliente alla celebrazione del Juneteenth presso il Booker T. Washington Community Center di sabato. Tenisha possiede il ristorante Indy Vegan Valet a Indianapolis.




Una serie di eventi in tutta la città hanno celebrato il Juneteenth, a partire da giovedì quando Launch Terre Haute ha ospitato Pitch Black, un’opportunità per gli imprenditori neri di competere per alcuni finanziamenti per le loro idee imprenditoriali. L’evento di Morgan e Shouse ha anche celebrato il Terre Haute Day, che ha invitato gli Hauteans che avevano lasciato la città a tornare per una visita. Domenica si è svolta una celebrazione della libertà della diciannovesima giugno presso il Centro di storia della contea di Vigo.

Darrell Shouse, lo zio di Daniel, ha portato otto delle sue auto d’epoca per farle ammirare dagli spettatori, inclusa una Corvette del 1974 che Darrell aveva personalizzato per includere l’eroe dei fumetti Black Panther sul cofano, in memoria del compianto attore Chadwick Boseman. Aveva anche un’auto con i personaggi della DC Comics Batman e il Joker giustapposti sul cofano. Darrell ha confessato di essere un grande fan dei fumetti e delle vecchie auto.

Darrell era felice di festeggiare Juneteenth. “Era ora”, ha detto. “Lo abbiamo sempre celebrato, come il Martin Luther King Day – negli anni ’70, decollavamo quel giorno anche se non dovevamo. È per tutti – non è solo per la comunità afroamericana. Questo è per tutti coloro che vogliono divertirsi e incontrare persone.”

Anche un’altra casa – Tenisha, la figlia di Darrell – era impegnata sabato. Come proprietaria del ristorante Indy Vegan Valet a Indianapolis, vendeva tacos vegani dalla sua tenda: un cliente ne aveva già avuti sei ed era pronto per altri.

“Voglio che la gente sappia che solo perché è vegano non significa che mangiamo solo lattuga e pomodori”, ha detto Tenisha, il cui ristorante sarà aperto un anno a settembre. “Lo stile di vita a base vegetale è davvero avanzato da quando ho iniziato otto anni fa”.







Fiorente la festa del 16 giugno di Terre Haute

Tribune-Star/Joseph C. GarzaSalsa d’autore: Stephen Miller aggiunge il tocco impertinente finale alle costolette mentre le prepara sotto la tenda del Miller’s Cove Bar and Lounge sabato durante la Juneteenth Celebration al Booker T. Washington Community Center.




Ha aggiunto che celebrare Juneteenth è stato significativo perché stava “diffondendo la consapevolezza in modo che questo possa essere lo standard e la comunità nera può andare avanti”.

Celeste Miller, che con suo padre Stephen Miller offriva costolette nella loro tenda in rappresentanza della loro attività Miller’s Cove Bar and Lounge, ha aggiunto: “Celebriamo Juneteenth invece di celebrare il quarto di luglio. Ci riuniamo come una comunità e celebriamo il nostro libertà. Ci siamo definiti liberi nel 1865, ma il Texas ha resistito fino al 1867, ma continuiamo a celebrare il 1865. È tutta una festa”.

Jasmine Lewis distribuiva risorse e gadget gratuiti e diffondeva consapevolezza sulla salute mentale per conto dell’Hamilton Center. Ha detto: “Questa generazione ha bisogno di sapere cos’è Juneteenth – i miei figli, in particolare, non avevano idea di cosa fosse”.

L’Hamilton Center celebra il Juneteenth lunedì con un programma dalle 8:00 alle 10:00. I dipendenti hanno poi il resto della giornata libera.

David Kronke può essere raggiunto al numero 812-231-4232 o all’indirizzo david.kronke@tribstar.com.

We wish to thank the author of this article for this awesome content

Fiorente la festa del 16 giugno di Terre Haute


Discover our social media accounts as well as other pages related to it.https://lmflux.com/related-pages/