Come un’azienda può muoversi verso l’equità retributiva

L’equità retributiva è un obbligo legale per le aziende di tutte le dimensioni. Tuttavia, può anche essere visto come un’opportunità per far avanzare il tuo marchio, costruire la tua base di clienti e reclutare e mantenere dipendenti capaci.

Indipendentemente da dove ti trovi nel tuo ciclo di vita aziendale, l’equità retributiva può essere incorporata nella struttura della tua organizzazione. Ad esempio, le imprese in fase di avvio possono includere politiche di retribuzione equa nel loro piani aziendalimentre le aziende esistenti possono identificare e correggere le disparità salariali esistenti all’interno delle loro aziende.

Che cos’è l’equità retributiva?

L’equità retributiva può essere definita come fissare la paga per un lavoro in base alle competenze, all’impegno, alla responsabilità e alle condizioni di lavoro legate alla posizione. L’obiettivo è eliminare la discriminazione basata su sesso, razza e altri fattori.

Shaun Harper, fondatore e direttore esecutivo del Race and Equity Center della University of Southern California, fornisce una spiegazione più ampia dell’equità salariale. “Riguarda la correzione di precedenti lacune che hanno storicamente e contemporaneamente svantaggiato gruppi particolari, come donne, persone di colore, dipendenti LGBT e così via”. Aggiunge: “Non si tratta solo di portare tutti allo stesso livello in questo momento, ma si tratta anche di correggere il danno storico”.

Nonostante i progressi compiuti, esiste ancora una disparità di retribuzione. Ad esempio, nel 2020, una donna ha guadagnato 82 centesimi per ogni dollaro guadagnato da un uomo, secondo il Bureau of Labor Statistics. Utilizzando i dati dei tre anni precedenti al 2020, il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti stima che i lavoratori identificati come neri, nativi americani e ispanici abbiano guadagnato circa dai 73 ai 77 centesimi rispetto a ogni dollaro ricevuto dai lavoratori bianchi.

Il costo della disuguaglianza salariale

Oltre al costo potenziale delle cause legali e alla necessità di rimediare alle disparità retributive, la disuguaglianza retributiva può costare alle aziende in altri modi. Può influire sugli sforzi di reclutamento, sui tassi di rotazione dei dipendenti e sulla soddisfazione dei dipendenti, tra le altre cose.

“Quando i dipendenti avvertono o sanno per certo di essere ricompensati in modo iniquo, se ne vanno. Cercano lavoro altrove. Sono meno motivati ​​a fare un buon lavoro oa continuare a fare un buon lavoro nel luogo in cui si trovano”, afferma Harper.

Cosa si può fare per garantire l’equità retributiva?

Portare diversità, equità e inclusione, o DEI, nella tua strategia aziendale può influenzare positivamente il tuo percorso per pagare l’equità.

Secondo Lauren Hoffman, direttrice associata per la sicurezza economica delle donne presso il Center for American Progress, i datori di lavoro “dovrebbero condurre audit salariali in modo da poter identificare i divari salariali esistenti, vietare l’uso della storia salariale nelle assunzioni, pubblicare le fasce salariali per le posizioni aperte e incoraggiare il lavoro candidati a negoziare i loro stipendi”.

Che cos’è un audit salariale?

Un audit retributivo, o analisi dell’equità retributiva, è un metodo per ricercare i tassi di retribuzione all’interno delle aziende; può essere fatto come auto-audit o collaborando a un certo livello con un consulente. In genere verranno inclusi i seguenti elementi:

Raccolta dati

I dati utilizzati nell’analisi includeranno in genere informazioni demografiche dei dipendenti come razza e sesso; dati sulla retribuzione come la data di assunzione del dipendente, lo stipendio base e la retribuzione degli straordinari; e dettagli sul lavoro come titolo, dipartimento, livello di lavoro e posizione.

Lavoro comparabile

L’identificazione e il raggruppamento dei dipendenti che svolgono un lavoro sostanzialmente simile o comparabile fa parte di un audit. Un lavoro comparabile richiede essenzialmente la stessa abilità, sforzo e responsabilità.

Analisi dei dati

L’analisi dei dati ti aiuterà a determinare se uomini, donne, persone di colore, LGBTQIA+ e altri gruppi vengono pagati allo stesso modo. La complessità di questa analisi può dipendere dalle dimensioni dei gruppi di dipendenti, dalla struttura retributiva e da altre variabili.

Pratiche e politiche retributive attuali e passate

L’esame delle pratiche e delle politiche retributive attuali e passate può aiutare a identificare le ragioni delle disparità retributive. Inoltre, può fornire informazioni dettagliate sui criteri utilizzati per stabilire gli standard retributivi e sulla flessibilità nel prendere decisioni retributive.

Azione correttiva

Quando le disparità retributive non possono essere giustificate, saranno necessari adeguamenti della compensazione. L’azienda potrebbe anche prendere in considerazione la retribuzione arretrata per i dipendenti che sono stati sottopagati per un periodo significativo.

Risorse per le piccole imprese

Consulenti e centri di ricerca che si concentrano su questioni legate alla razza e all’equità possono essere in grado di assistere i proprietari di piccole imprese che desiderano saperne di più sull’equità salariale e sulla conduzione di audit salariali. Organizzazioni come il Commissione della California sulla condizione delle donne e delle ragazzeil Comitato nazionale per l’equità retributiva e PayScale offrono modelli gratuiti e istruzioni dettagliate per le verifiche retributive. Inoltre, alcuni programmi software per buste paga e risorse umane possono aiutare a confrontare la retribuzione e identificare le differenze retributive.

We would love to thank the author of this post for this remarkable web content

Come un’azienda può muoversi verso l’equità retributiva


Find here our social media profiles as well as other pages that are related to them.https://lmflux.com/related-pages/